Andiast-Sumvitg

Andiast-Sumvitg
LunghezzaAscesaDiscesaAltezza minimaAltezza massimaDurata approssimativa
21.75 km780 m965 m855 m1297 m6:15 h

Pius e Miriam con Gypsie e Mia (dal 16.06.18):

Questa mattina alle 10:10 continuiamo la nostra escursione sul Jakobsweg Graubünden alla fermata dell'ufficio postale di Andiast. All'uscita del villaggio giriamo a destra su un sentiero di prato, scendiamo a zig zag in un burrone, attraversiamo il torrente Ual da Ladral e risaliamo dall'altra parte. Dopo un'altra breve discesa, passiamo la seggiovia di Waltensburg, che in inverno porta gli sciatori e gli snowboarder nel paradiso sciistico di Brigels-Waltensburg-Andiast. Da qui, un sentiero asfaltato conduce attraverso i pascoli, sempre lungo il fianco sinistro della valle. In una curva a gomito prendiamo il bivio a sinistra e poco dopo siamo di nuovo su un sentiero di prato, che attraversa un meraviglioso prato fiorito. Qui brulica di api, coleotteri di giugno, farfalle e altri insetti. Siamo sopraffatti dai colori vivaci e dalla diversità di specie che prevale qui. Camminando dolcemente in salita raggiungiamo finalmente il Lag da Breil (Brigelsersee). Il lago di montagna verde-blu brillante è lungo circa 500 m e largo fino a 140 m. Poiché è utilizzato per la produzione di energia elettrica, il bagno è vietato. Insieme ad Andiast e Waltensburg, Brigels si trova su una terrazza soleggiata nel Bündner Vorderrheintal. In estate, la destinazione attira i visitatori con le sue opportunità di escursioni, le strutture per il ciclismo e il campo da golf. In inverno si trasforma in un paradiso di neve per tutta la famiglia.

Il sentiero Jakobsweg corre pochi metri sopra il lago, alla nostra sinistra innumerevoli cavalli pascolano in un grande pascolo. Attraversiamo poi la parte bassa del villaggio e camminiamo lungo uno stretto sentiero sotto la strada cantonale su prati e attraverso la foresta, a volte in ripida discesa. Siamo contenti che gran parte del percorso è all'ombra e ogni tanto soffia un vento fresco. Altrimenti sarebbe un po' troppo caldo per noi e i cani.

Al piccolo villaggio di Casu si raggiunge una strada asfaltata quasi senza traffico, sulla quale, tuttavia, è possibile sterzare sul più piacevole ciglio falciato in alcuni punti. Passiamo alcune talinas, le tipiche rastrelliere di legno locali costruite davanti al granaio per far maturare il grano. Poco dopo raggiungiamo la frazione di Capaul e facciamo una breve pausa alla chiesa di Caprè, sono ormai le 12.40.

Camminiamo in leggera salita sul sentiero alto attraverso un terreno aperto, passiamo alcuni altri piccoli e affascinanti villaggi con vecchie case di legno fino ad arrivare finalmente a Schlans. Sopra il centro del villaggio si trova la cappella Nossa Dunna della Naiv accanto alle rovine della torre di Schlans.

Su una strada forestale saliamo per un breve tratto fino a quando un sentiero ci porta nella foresta. La caduta di una valanga lo scorso inverno ha lasciato qui una devastazione su una lunghezza di circa 50 m che sarà visibile per molto tempo. Attraversiamo diversi ruscelli su questo sentiero forestale, che portano ancora acqua di fusione. Dopo aver raggiunto il punto più alto, segue una lunga e ripida discesa attraverso la foresta con campi di felci in parte grandi. Passiamo la frazione di Cartatscha, che consiste in un vecchio gruppo di case e la piccola cappella di San Valentino. Una delle case porta la data 1664 sopra la porta d'ingresso e da qui si ha anche la vista delle rovine di un castello, che si trova su una collina morenica. Dopo Cartatscha, una strada asfaltata ci porta più in basso, oltre un enorme bacino di ritenzione fatto di pietre naturali, che dovrebbe proteggere il villaggio sottostante dalle inondazioni. Seguiamo il torrente Ferrera fino ad arrivare un po' più tardi a Trun. Questo villaggio è situato in modo idilliaco sul Reno anteriore ed è storicamente un villaggio importante nella storia dei Grigioni. Nel 1424, il Patto Grigio o Superiore fu rinnovato ed esteso sotto l'acero vicino alla Cappella di Sant'Anna. Questa confederazione diede più tardi al cantone il suo nome Graubünden.

Dopo un fresco ristoro in un piccolo e accogliente ristorante in giardino, continuiamo su una strada asfaltata e attraversiamo i villaggi di Gravas, Campliun e Rabius. Un debole sentiero conduce a destra in modo abbastanza ripido fino a una collina con una grande pietra e una panchina. C'è un forte odore di fieno nell'aria. Dopo una breve discesa su un sentiero di prato si arriva a Sumvitg. Questo villaggio è uno dei comuni dell'Oberland grigionese in cui la lingua retoromancia si è conservata più fortemente. Passeggiamo attraverso il villaggio e continuiamo verso la stazione ferroviaria, che è un po' fuori. Direttamente sulla strada c'è il campeggio Garvera, che raggiungiamo alle 17:30. Come sempre, siamo accolti calorosamente e il proprietario è molto felice che abbiamo due cani con noi. Ci scambiamo un po' di informazioni sul Jakobsweg Graubünden, che anche lei vorrebbe percorrere. All'Ustria Staziun ci godiamo una deliziosa cena all'aperto sulla terrazza e ci godiamo la magnifica vista sulla bellissima catena del Garvera e la Val Sumvitg.

Per il pernottamento paghiamo Fr. 6,00 a persona, Fr. 3,00 a cane, Fr. 10,00 per la tenda e Fr. 3,00 di tassa di soggiorno.

La tappa di oggi di 22 km era attraverso il bellissimo Bündner Oberland, per lo più lungo il Reno anteriore. Abbiamo gestito salite di 942 m e discese di 1.156 m. Siamo rimasti particolarmente affascinati dai molti piccoli villaggi con le loro belle case di legno.

Valutazione
0

0Non ci sono ancora commenti

Per assicurarti la migliore esperienza sul nostro sito web utilizziamo cookie e componenti esterni come i video di Youtube e OpenStreetMap. Protezione dei dati